Re-school. Ripensare gli spazi della scuola in un contesto pandemico.

La ricerca parte da una collaborazione tra FULL – Future Urban Legacy Lab e la Fondazione Agnelli, già promotrice di progetti di innovazione scolastica tramite i suoi spazi e di una ricognizione critica sul patrimonio scolastico (Torino fa Scuola, 2015-2018; Rapporto Edilizia scolastica, 2020).

Il progetto di ricerca Re-School si è proposto inizialmente, con la prima fase di indagine confluita in “Fare spazio” (https://www.fondazioneagnelli.it/2020/08/03/farespazio/), di indagare il tema del rientro a scuola in Italia nella fase di post lockdown. In seguito Re-School si è sviluppato con la volontà di maturare riflessioni sugli utilizzi degli spazi scolastici anche in relazione alle innovazioni didattiche che necessariamente il periodo di pandemia ha suggerito innescando propositi di promozione delle scuole anche in chiave di risorsa strutturale del territorio a cui si deve dar valore. L’intento è stato quello di analizzare le potenzialità di dotazione degli spazi scolastici e le attività in aula, i flussi e la fruizione da parte degli utenti all’interno e nelle aree limitrofe ai servizi scolastici, le caratteristiche qualitative e quantitative dei loro edifici. Questi sono alcuni degli aspetti presi in considerazione dal gruppo di ricerca del Lab G4CH per analizzare ricorrenze e relazionare i conseguenti cluster di edifici alla dimensione temporale e spaziale del patrimonio scolastico.

Se da una parte l’identificazione di situazioni di ricorrenza nel patrimonio scolastico italiano è utile a fornire un supporto tecnico adeguato ai dirigenti per la gestione del rientro a scuola in sicurezza, dall’altra è necessario per poter pianificare una serie di azioni strategiche in chiave potenziale sul medio-lungo periodo per il rinnovamento del patrimonio edilizio scolastico italiano. I ricercatori del Lab G4CH, che hanno fatto parte del gruppo di ricerca, si sono  occupati dell’osservazione del database regionale per l’edilizia scolastica del Piemonte EDISCO, usato come caso studio, e della sua spazializzazione per le analisi 2D/3D GIS.